in Gestione sostanze chimiche

Principali fonti di dati sulle sostanze utili per la compilazione delle SDS

Una larga parte delle informazioni necessarie al fine di compilare la Scheda Dati di Sicurezza (SDS) dovrebbero già essere a disposizione del fornitore in quanto sarà stato necessario raccoglierle ai fini di altre normative di controllo delle sostanze chimiche, in particolare allo scopo di determinare, per esempio, le prescrizioni in materia di classificazione, etichettatura e imballaggio a norma del regolamento CLP e in conformità della normativa internazionale in materia di trasporto nonché per assolvere alle disposizioni della normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro.

Se le sostanze sono soggette a registrazione a norma del REACH e il fornitore è un membro di un Forum per lo scambio delle informazioni sulle sostanze (SIEF) o di un consorzio, qualora ne esista uno per la sostanza in oggetto, questi deve aver condiviso l’accesso alle informazioni aggiuntive sulla sostanza.

Per gli utilizzatore a valle di sostanze (e per tutti i formulatori di miscele), la fonte principale di informazioni è quella data dal fornitore nella SDS per le sostanze (componenti) o miscele specifiche.

Qualora diventi evidente nel corso della compilazione della SDS che alcuni dati non sono immediatamente disponibili alla persona responsabile della compilazione (in particolare se una SDS viene preparata prima che sia richiesto un fascicolo di registrazione per esempio per sostanze a basso volume di produzione) sono pubblicamente disponibili anche banche dati con informazioni pertinenti (consultabili sia per reperire dati altrimenti inaccessibili che per verificare i dati forniti a monte che appaiono incoerenti o poco plausibili), quali ad esempio:

  • Banca dati dell’ECHA sulle sostanze registrate. Fornisce numerose informazioni sulle sostanze fabbricate o importate dalle società, come ad esempio: le loro proprietà pericolose, la loro classificazione ed etichettatura e come utilizzarle in modo sicuro. Le informazioni all’interno della banca dati sono quelle fornite dalle società nei loro fascicoli di registrazione.
  • Inventario ECHA delle classificazioni e delle etichettature: L’inventario delle classificazioni e delle etichettature è una banca dati che conterrà le informazioni di base in relazione alla classificazione ed etichettatura delle sostanze registrate e notificate ricevute dai fabbricanti e dagli importatori. Essa conterrà inoltre l’elenco delle classificazioni armonizzate (tabella 3.1 dell’allegato VI del CLP). L’inventario sarà istituito e gestito dall’ECHA.
  • CheLISTLa banca dati CheLIST (Chemical Lists Information System) sviluppata dall’istituto per la salute e la tutela dei consumatori (IHCP) fornisce informazioni sugli identificatori chimici (ad esempio denominazione, numero CAS) e sulla struttura chimica. 
  • GESTISQuesta banca dati delle associazioni professionali (Berufsgenossenschaften) tedesche comprende più di 7 000 sostanze pericolose organizzate per nome in ordine alfabetico, corredate di classificazione, etichettatura, valori limite, metodi di misurazione, informazioni sui dispositivi di protezione individuali, valori limite sul lavoro e medicina del lavoro. 
  • eChemPortalIl portale eChemPortal è un impegno dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) in collaborazione con la Commissione europea (CE), l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, il Consiglio internazionale delle associazioni chimiche (ICCA), il comitato consultivo per le imprese e l’industria (BIAC), il Programma Internazionale sulla Sicurezza Chimica (IPCS) dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e le organizzazioni ambientali non governative. eChemPortal fornisce accesso pubblico alle informazioni sulle proprietà delle sostanze chimiche, comprese le proprietà chimiche e fisiche, sul destino e comportamento ambientali, sull’ecotossicità e sulla tossicità mediante ricerche simultanee di relazioni e insiemi di dati. 
  • IPCS INCHEMIl sito Internet del programma internazionale sulla sicurezza chimica (IPCS) INCHEM fornisce rapido accesso a informazioni su sostanze chimiche sottoposte a peer review a livello internazionale comunemente utilizzate in tutto il mondo, che si possono anche ritrovare come agenti contaminanti nell’ambiente e negli alimenti. Esso unifica le informazioni derivanti da numerose organizzazioni intergovernative il cui scopo è fornire assistenza per un’efficace gestione delle sostanze chimiche. 
  • TOXNET. Toxnet è la rete di dati di tossicologia della National Library of Medicine degli Stati Uniti d’America. Essa fornisce accesso alle banche dati sulla tossicologia, sulle sostanze chimiche pericolose, sulla salute ambientale e sugli sprigionamenti tossici. 

È importante prestare attenzione alle possibili differenze nell’affidabilità delle informazioni provenienti da queste fonti.

Si noti che in tutti i casi (anche quando le informazioni sulle sostanze componenti di miscele sono state ottenute dalle SDS dei fornitori di tali sostanze, cfr. capitolo 2 paragrafo 2.2 sopra) la responsabilità in merito alla precisione dei contenuti della SDS rimane comunque del fornitore.